stanza

SALONE BOBO CAPOLINEA

Nuovo salone Bobo Capolinea

La progettazione del nuovo salone Bobo Capolinea nasce dalla volontà della committente di realizzare uno spazio di lavoro a sua misura, e secondo la sua filosofia di vita, ove le priorità sono il relax, il silenzio, la giusta misura dei tempi, i profumi esotici, i colori tenui, la disponibilità e professionalità per gli agi della clientela. L’ambiente risulta rilassante, semplice, informale, cerca di coccolare e mettere a proprio agio la clientela che lo frequenta. Il concept progettuale lavora sula variabilità di uno spazio open-space. Questo spazio cambia, muta, si contrasta attraverso la creazione di ambiti dedicati a diverse funzioni e trattati con l’utilizzo di diversi materiali e oggetti d’arredo. La diversità delle declinazioni di questo spazio permette di scoprire gradualmente la totalità del salone, dando la possibilità di muoversi liberamente all’interno di esso.
L’obiettivo è quello di avvolgere coloro che lavorano ed i clienti del salone in un clima in cui le percezioni spaziali e sensoriali non sono date solamente dalle scelte architettoniche ma anche da un’accurata selezione di profumi ed essenze che alimentano un percorso temporale e spaziale distensivo ed informale.
L’ingresso/reception si distingue per i suoi colori scuri, per i suoi materiali e per i suoi elementi d’arredo. La parete di listelli in legno e l’adiacente parete nera contrastano la quinta centrale bianca. I suoi elementi non ricordano quelli di un esercizio commerciale standard: un tavolo, delle mensole espositive ed un divano accolgono la clientela. Proprio la quinta centrale scandisce funzionalmente in senso orario l’esperienza e le funzioni del salone, permettendo di delimitare e allo stesso tempo nascondere la zona lavaggio, l’area relax e l’area taglio/acconciatura. La zona lavaggio è composta da alcuni divanetti in pelle scelti per questa funzione, il loro colore marrone testa di moro contrasta e gioca con il bianco delle pareti e del mobile. Adiacente ad essa troviamo la stanza delle tinte, un ambiente nascosto dove vengono preparate le note cromatiche da applicare alle chiome, successivamente modellate nella zona taglio/acconciatura.
Un volume vetrato alimenta contemporaneamente il dialogo e la separazione tra la zona lavaggio e quella taglio/acconciatura. Si tratta dell’area relax. La sua trasparenza racchiude uno spazio dove l’attesa per l’acconciatura viene colmata da trattamenti legati alla cura del corpo, del viso, un ambiente che dedica la sua unicità esclusivamente ad un cliente alla volta. Lo spazio taglio/acconciatura nasce da alcuni elementi d’arredo che lo esplicitano: la quinta centrale, una parete curva rivestita con una carta da parati raffigurante una carpa in verticale, tre totem con superfici specchiate che creano le postazioni dove vengono effettuati i tagli e le acconciature. I totem, pur declinando la funzionalità dello spazio, danno modo, attraverso il gioco di riflessi degli specchi, di avere una continua prospettiva dinamica su tutto il salone.
La parete curva oltre a dare dinamicità al movimento del salone funge da separazione tra l’open space del salone e uno spazio intimo formato dall’antibagno e dal bagno.

  • Tags

    ,

  • luogo:

    Udine (UD)

  • committente:

    Privato

  • attività:

    Progettazione della nuova attività, dei locali interni e degli arredi

  • anno:

    2010